martedì 22 maggio 2012

Aquilegia Magnifica

Link: Foto e Fornelli
Link: Foto e Fornelli

Link: foto e Fornelli

Quest'anno purtroppo mi sono sfuggite delle magnifiche Aquilegie portate al mercato settimanale, dal mio fornitore/vivaista/contadino di fiducia;
"prendile..." mi ha detto con tono burbero lui....
" ma no, questa settimana devo comperare per l'orto..." ho detto io
"..ma prendile..." insiste lui
"no, le prendo la settimana prossima....." preciso io
la settima seguente dopo una ricerca visiva affannosa...
"....ma le Aquilegie....?" dico io già pensando al peggio
"...ti avevo detto di prenderle...!

Afflitta e sconsolata mi consolo con quelle trovate sul web; ma il prossimo anno non mi scappano!
Queste magnifiche piante infatti, per quanto dall'aspetto meraviglioso e con il prezzo anche piuttosto basso, non si trovano molto facilmente sugli scaffali dei vivaisti; quindi o si devono seminare o si devono dividere per cespi, nella speranza che il nuovo impianto sia di loro gradimento o si devono comperare.
Detto così sembra difficile, ma in realtà stiamo parlando di una pianta rustica, che ama le nostre temperature, e che si autodissemina per giunta , cambiando anche aspetto di volta in volta, quasi la pianta ideale!

Link: Foto e Fornelli

Link: Foto e Fornelli


Riporto una definizione trovata sul sito Giardini e Ambiente che è piaciuta molto:
"........ Un arguto orticoltore inglese, con humour tipicamente britannico, sosteneva che le aquilegie (in latino Aquilegia) sono dotate di una “condotta morale alquanto riprovevole”, perché sono forse le piante che maggiormente amano accoppiarsi e incrociarsi fra loro, senza troppo badare ai vincoli inviolabili sanciti dal matrimonio canonico. L’ovvia conseguenza è che, così facendo, la procreazione di “figli” ne risulta elevatissima, con una produzione ampiamente differenziata di forme, di taglie e soprattutto di colori, che rappresentano una fonte di autentica gioia per il giardiniere hobbista incurante di questo incessante balletto variopinto, ma in pari tempo costituiscono un grattacapo per tutti coloro che sono intenzionati a far conto con certezza sulla medesima varietà. Spesso accade che, dopo aver seminato in giardino alcuni ibridi dal volto ben definito, nel volgere di pochi anni ce ne troviamo di fronte molti altri, simili ai primi ma non identici. Ovviamente, il fenomeno non avviene con le aquilegie botaniche, che invece si riproducono mantenendo intatto il proprio volto, a condizione che non mescoliamo fra loro le diverse specie. In ogni caso, le aquilegie godono giusta fama di magnifiche erbacee perenni di metà primavera, con la non trascurabile prerogativa di non scomparire sotto terra dopo la fioritura, perché sfoggiano un fogliame attraente fino ai primi geli......." 

per approfondimenti e Galleria di immagini:

Note: le foto sono tratte dal sito Foto e Fornelli  di Alex, e credo siano, al momento, le più belle foto di Aquilegie, pubblicate sul web: complimenti!






10 commenti:

  1. Ciao francesca,che belli questi fiori,non li conoscevo!ciao a presto lieta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lieta, io le ho scoperte per caso, passando davanti una casa perfettamente sconosciuta e sono rimasta colpita proprio dalla forma del fiore; dopo accurate indagini, ho scoperto trattasi di aquilegie. Se non le riesci a trovare puoi prendere i semi, si trovano facilmente su e-bay.

      Elimina
  2. Peccato Francesca. L'anno prossimo aguzzerò la vista anch'io per trovare qualche esemplare nuovo. Le mie si sono super disseminate, ma adesso sono tutte di un rosa tenue.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Marta, perchè sembra che queste piantine, dal carattere "molto allegro" si moltiplicano moltissimo ma prendono i caratteri dominanti dei parenti più prossimi; potresti provare a piantare altri tipi, così avrai delle "figliole2 ancora diverse! ciao

      Elimina
  3. Mooie post, ben zelf ook gek van akeleien, zijn inderdaad niet kleurvast, maar dat is ook weer het leuke van deze bloemetjes.

    Groet,

    Marieke.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hallo Marieke, ik ook ik was erg gefascineerd door deze bloemen, Ik hoop dat ik een mooie verzameling te beginnen! Groeten uit Rome, fr

      Elimina
  4. Francesca, qui da me si moltiplicano come pazze! Sai, un altro nome per l'aquilegia e`: lady's bonnet", cioe` "cappuccetto-cappellino-della signora"... il nomignolo dovuto alla forma del fiore.

    Sono molto carine, e` vero! peccato che ti siano sfuggite!

    CIAO!

    anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda Anna, stò ancora mordendomi le mani, sigh! Ma sai la semplice questione qual'è? E che spendo veramente tanto tra fiori, piante e piante da orto, quindi sono costretta, mi sono imposta, di spendere un tot a settimana e non più; solo così riesco a gestire le entrate e le uscite "green"
      quella settimana avevo il terreno pronto, lavorato, per orto e alcuni porzioni di giardino già sistemato per altre piante, quindi......però!
      Adesso ovviamente, non le riesco proprio a trovare! Vabbhè recupero il prossimo anno!

      Elimina
  5. Stanno per fiorire le mie aquilegie alpine.... sono monocromatiche, non bicolori, di quel viola-blu dei fiori di montagna!
    ciao, grazie per il post :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te! Le Aquilegie stanno diventando come "quelle cose che vuoi e che non hai" quindi "le vuoi di più"...in pratica, prima non facevo caso, adesso invece le vedo dappertutto! fr

      Elimina

Google+ Badge